POSTED BY Guido Viola D.O. | Nov, 13, 2018 |
svezzamento osteopata roma 640x424 - Svezziamoli, ma quando?
Condividi con gli amici

Durante le mie valutazioni di osteopatia neonatale una domanda che mi viene rivolta molto spesso è quella di quando iniziare lo svezzamento del proprio figlio. 

Ovviamente bisogna rimandare la domanda al proprio pediatra perché sarà lui a gestire nel miglior modo possibile questo momento fondamentale per il vostro bambino. 

In questo articolo mi limiterò a riportare uno studio scientifico proprio su questo argomento così tanto discusso. 

Cerchiamo di vedere quindi come evitare errori in base alla scienza e non a leggende metropolitane. 

Partiamo da una ricerca del Centres for Disease Control and Prevention americano dove hanno concluso che i genitori svezzano il loro bambino con dei cibi solidi troppo precocemente.  

Infatti da questa ricerca è emerso che il 93% delle mamme svezza il proprio figlio prima dei 6 mesi. 

Lo studio che ho deciso di citare ha un grosso peso scientifico perché ha preso in esame ben 1334 mamme. 

Teniamo presente che è una ricerca americana quindi i dati che sto per indicarvi presumo siano differenti rispetto ad una popolazione europea e ancor più italiana, dove le mamme sono più protettive. 

Pensate che: 

  • Il 40% di queste mamme oggetto di studio ha fornito cibo solido al loro bambino a 4 mesi e che il 9% lo ha proposto addirittura prima del compimento di 1 mese di vita. 

Il bello è quando hanno chiesto il perché. Le risposte sono state basate tutte su dicerie popolari con frasi del tipo: 

    • Il bambino sembrava volere il nostro cibo; 
    • Dopo che mangiava il latte era più irrequieto, invece dopo il “solido” ha dormito meglio; 
  •  Il bambino sembrava ancora affamato. 

svezzamento osteopatia 300x200 - Svezziamoli, ma quando?

E ancora, i ricercatori hanno dimostrato che somministrare cibi solidi a bambini sotto i sei mesi porta con sè un rischio maggiore (fino al 30%), di sviluppare delle patologie, prime su tutte: 

– Obesità 

– Celiachia 

– Intolleranze 

– Allergie 

– Sviluppare diabete 

Cosa dicono invece le linee guida? 

Il Ministero della Salute invita a continuare con l’allattamento materno finché possibile o almeno fino ai sei mesi con un’assunzione esclusiva per poi iniziare con uno svezzamento. Anche perché è conosciuto l’effetto protettivo dell’allattamento al seno, che fornisce al bambino, anticorpi e probiotici che aiuteranno e favoriranno una maturazione dell’ apparato digerente e immunitario del piccolo. 

Ovviamente questo è solamente un racconto di alcune ricerche; ogni bambino andrà valutato individualmente, quindi affidatevi al vostro pediatra e chiedete sempre spiegazioni su quello che si andrà a fare. 

 

 

TAGS : Bambino Osteopatia Svezzamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *