POSTED BY Guido Viola D.O. | Giu, 07, 2018 |
posturologia1 697x424 - Il posturologo: conosciamolo meglio.
Condividi con gli amici

Ad oggi anche in Italia si inizia a parlare di questa figura: il Posturologo. 

Ma vediamo meglio chi è e cosa fa. 

Il Posturologo è un professionista che si occupa della valutazione posturologica ed è di supporto a svariate figure sanitarie come il fisioterapista, l’ osteopata, il fisiatra, lo gnatologo, il podologo e gli specialisti della vista. 

E’ una figura non ancora regolamentata in Italia, anche se la formazione è possibile svolgerla presso le Università e nelle facoltà di medicina come master di primo livello (ci si può accedere solo se in possesso di una laurea sanitaria pregressa). 

Il posturologo si occupa di valutare e riarmonizzare, insieme alle figure sopracitate, l’assetto posturale e intervenire quando questo non è in omeostasi.

 colonna vertebrale osteopatia

Ogni squilibrio posturale porta con se un dispendio di energia per l’individuo e una serie di compensi anche a distanza, che se non individuate e trattate, possono portare successivamente a fastidiosi dolori. 

Il posturologo quindi va a intervenire sui vari recettori quali occhio, bocca, lingua, pelle, orecchio, piedi ecc e attraverso questi riprogramma il SNC e il sistema tonico posturale che si presenta alterato. 

Lavorando in equipe con la figura sanitaria più indicata (in base al recettore alterato), il posturologo può portare notevole sollievo per quelle che sono le problematiche più diffuse come dolori vertebrali, cefalea, problematiche occlusali, podaliche e algie varie. Questo è possibile proprio perché si andranno a cercare le cause primarie che hanno portato allo squilibrio e di conseguenza a “riprogrammarle” ricordando al SNC, attraverso dei riflessi posturali , la sua posizione corretta!!! 

Oltre ai test spesso vengono utilizzati anche strumenti digitali come pedana baropodometrica, usata per valutare equilibrio, appoggio plantare e schema statico e dinamico dell’ appoggio e anche la biometria digitalizzata 3d che permette una ricostruzione della colonna vertebrale per valutare eventuali dismorfismi presenti. 

Molto spesso gli Osteopati si avvalgono del supporto dei test posturologici proprio perché, individuare la causa “primaria”, permette al professionista di districarsi meglio nel pianeta corpo di quel dato paziente ed effettuare una valutazione e successivamente un trattamento osteopatico nel miglior modo possibile nel rispetto dei tempi di recupero. 

 

Buona Osteopatia e Posturologia a tutti 

TAGS : Colonna vertebrale Osteopatia Postura Posturologo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *